Vai al contenuto

Napoli, l’Uefa applaude Capitan Hamsik

Il 28 giugno 2007 un ventenne con la faccia da bambino firmava il contratto col Napoli.

napoli-calcio-2014-744x445

Appena ventenne lo slovacco veniva già da tre stagioni nel campionato italiano di cui una nel Brescia Under 19 e due nella prima squadra. Fu acquistato per 5 milioni di euro, ancora oggi  Marino racconta che fu un tentativo quello che portò Hamsik a Napoli: il ragazzo lo aveva colpito per qualche ragione ma nessuno si aspettava che valesse tanto, col tempo infatti il ragazzo si rivelò talentuoso e dal gran potenziale, un campione insomma. Ad oggi la piazza azzurra e la stessa squadra devono ringraziare quell’uomo che vide nel centrocampista qualcosa di prezioso.

L’esordio a Ferragosto con il Cesena in Coppa Italia; poi la prima gioia, un mese dopo, contro la Sampdoria. Queste le prime tappe di una storia che dura da 452 presenze, a 59 lunghezze dal record di Bruscolotti. Quella contro la Samp è stata la prima rete di 113, a due piccoli passi da Diego Armando Maradona, l’altro pezzo straordinario di una Napoli bella ma soprattutto vincente. E Marek un passettino alla volta sta eguagliando le leggende azzurre anche in quanto a vittorie. Tante volte accostato ad altre squadre in sede di calciomercato, ma sempre fedele all’azzurro.

In serie A nel corso degli anni Milan e Juventus hanno provato a strapparlo a De Laurentiis ma, nonostante i desideri di Raiola, il giocatore ha preferito divenire una vera e propria bandiera del club partenopeo, mirando a uno scudetto da capitano. Di Raiola si parla tanto in questi giorni, in riferimento al ‘caso Donnarumma’, con i tifosi del Milan che hanno preso ad esempio proprio Hamsik per indicare la strada da prendere al proprio portiere, nella speranza che alla fine rinnovi con i rossoneri.

Il primo trofeo il 20 maggio 2012, quella Coppa Italia in cui c’è il suo zampino con il gol allo scadere e quell’esultanza, in ginocchio, davanti ai suoi tifosi in estasi. Poi la Supercoppa e la seconda Tim Cup, con la fascia di capitano al braccio.

Esaltato dagli avversari, Marek Hamsik è oggi anche al centro delle attenzioni dell’Uefa, che ha deciso di celebrare i suoi 10 anni di Napoli: “Il concetto di bandiera sta diventando sempre più estraneo al calcio moderno. I giocatori vanno e vengono, cambiando casacca con frequenza sempre maggiore. Qualcuno, tuttavia, va in controtendenza”.

 

L’Uefa celebra il Capitano del Napoli

Classifica dei marcatori del Napoli all time

1. Diego Maradona – 115 gol
2. Marek Hamšík – 113 gol
3. Attila Sallustro – 108 gol
4. Edinson Cavani – 104 gol
5. Antonio Vojak – 103 gol
6. José Altafini – 97 gol
7. Careca – 96 gol
8. Gonzalo Higuaín – 91 gol
9. Giuseppe Savoldi – 77 gol
10. Cané – 70 gol

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: